Tumori

Informazioni di carattere generico sui tumori.

Tutela, diritti e agevolazioni per i malati oncologici

 

ESTRATTO dall’opuscolo “Patologie oncologiche e invalidanti” promosso dalla Consigliera Nazionale di Parità Prof.ssa Alessandra Servidori – 28 settembre 2013 

Link al documento originale: qui

 

Tre sono le percentuali di invalidità civile per patologia oncologica: 11%, 70% e 100% Nel nostro Paese ogni anno 270 mila cittadini vengono colpiti dal cancro.

Il malato affetto da patologia oncologica, oltre al trattamento terapeutico ha particolari esigenze di tipo giuridico ed economico, per vivere più dignitosamente. Pertanto l’ordinamento giuridico ha previsto, con norme speciali, le tutele Leggi tutto >>

Il tumore della Prostata

La prostata è una ghiandola maschile che si trova al di sotto della vescica e davanti al retto; circonda l’uretra, il condotto che permette all’urina e al liquido seminale di fuoriuscire dal pene. La prostata produce parte del fluido che trasporta gli spermatozoi durante l’eiaculazione. Le dimensioni e la forma della ghiandola sono estremamente variabili: nell’uomo adulto ha la grandezza di una castagna. Dai 40-45 anni di età in poi, per azione dell’ormone Diidrotestosterone, la prostata tende ad aumentare progressivamente di volume per l’incremento nel numero delle cellule prostatiche: Leggi tutto >>

Imaging e valutazione emodinamica nella diagnostica epatologica

 

Introduzione Le malattie epatiche presentano un ampio spettro di gravità e di sintomatologia, senza una stretta correlazione tra le due. Il laboratorio in alcune situazioni può essere diagnostico, in altre è di minore utilità. L’imaging rappresenta pertanto un punto chiave nella diagnostica epatologica, in particolare con l’avvento dell’era ecografica. L’ecografia infatti, grazie alla sua non-invasività e diffusione,risulta essere la prima indagine eseguita in caso di sospetto problema epatico, riservando alle altre metodiche le eventuali fasi successive. Poiché il sistema vascolare

Leggi tutto >>

Il tumore del fegato

Il fegato e le vie biliari Il fegato è uno dei maggiori organi interni del nostro corpo. Premendo sotto le costole a destra si riesce quasi a toccare il fegato. La sua forma è simile a una piramide e si divide in due lobi, destro e sinistro. Diversamente da molti altri organi, il fegato riceve sangue da due vasi principali: l’arteria epatica, che porta sangue ossigenato dai polmoni, e la vena porta, che ha sangue ricco di nutrienti proveniente dall’intestino.

Il fegato svolge molteplici funzioni, quali per esempio la sintesi di proteine come l’albumina, indispensabile tra l’altro per la

Leggi tutto >>

I tumori della laringe

 

La Laringe è un organo posto nella regione centrale ed anteriore del collo in continuità con la faringe, in alto, e con la trachea, in basso. Essa determina, con la sua prominenza, il cosiddetto “pomo d’Adamo”, presente in entrambi i sessi ma più evidente nell’uomo.

 

Schematicamente si suddivide in tre porzioni:

  • porzione sopraglottica corrispondente al tratto iniziale (superiore) in diretto rapporto con la faringe; comprende l’epiglottide, una piccola cartilagine che ha la funzione di coprire il tratto respiratorio dalla inalazione di cibo durante l’alimentazione;

  • porzione glottica

    Leggi tutto >>

Il tumore alle ossa

Cos’è il tumore alle ossa Il cancro dell’osso colpisce le ossa dello scheletro, composte da tre tipi di tessuti: l’osso compatto, cioè la parte più dura ed esterna; l’osso spugnoso, la zona più interna che contiene il midollo osseo da cui vengono prodotte le cellule del sangue; l’osso subcondrale, un tipo d’osso più morbido che si trova nelle articolazioni e che è coperto dalla cartilagine che ammortizza e rende possibili i movimenti articolari. Tutte le cellule che compongono l’osso possono trasformarsi e dar luogo a forme tumorali.

Quanto è diffuso In Italia la frequenza di tumori Leggi tutto >>

Psiconeurobiologia del cancro: stress, fattori psichici, eziopatogenesi.

Negli anni sessanta agli albori degli studi sugli aspetti psicosomatici dei tumori, uno psicanalista Claus Bahne Bahnson notò che i malati neoplastici, rispetto a controlli o malati di altre patologie somatiche utilizzavano con maggiore frequenza diversi meccanismi di difesa psicologici per difendersi da stati di conflitto, ansia e angoscia. Nei soggetti con cancro rilevò un maggiore uso di meccanismi psicologici del tipo rimozione e diniego, che tendono a escludere dal campo di coscienza l’ansia e l’angoscia, o comunque a sopprimere o reprimere reazioni comportamentali aperte. Egli notò Leggi tutto >>

Il carcinoma mammario: terapie

CHIRURGIA

Patologia benigna

Per quanto riguarda la patologia benigna l’indicazione chirurgica è limitata in linea di principio al sospetto di malignità o all’ipotetico rischio di trasformazione maligna, oppure in casi molto rari a motivi di tipo estetico (tumori benigni di grandi dimensioni) o psicologici.

Patologia maligna

Il trattamento della patologia maligna è al giorno d’oggi estremamente diversificato e dipende in prima istanza dal tipo istologico della lesione, dalle sue dimensioni, dalla sua posizione e dalle dimensioni del seno; si può avvalere di terapie locali come la chirurgia e Leggi tutto >>

Il carcinoma mammario : diagnostica

La Diagnosi

 Che esami fare,  quando,  a che età e con quale frequenza

Le linee guida dell’American Cancer Society per donne asintomatiche (donne che non presentano sintomi sospetti per carcinoma della mammella) prevedono:

  • Dopo i 20 anni, tutte le donne dovrebbero eseguire ogni mese l’autopalpazione del seno

  • Dai 20 ai 39 anni, oltre a praticare l’autopalpazione mensile, tutte le donne dovrebbero essere sottoposte a visita senologica, da parte di un medico specialista, almeno ogni tre anni

  • A partire dai 40 anni, tutte le donne dovrebbero sottoporsi ad autopalpazione mensile ed

    Leggi tutto >>

Il carcinoma mammario : sintomatologia

Sintomi

 La maggior parte delle donne, di fronte a qualsiasi disturbo del seno, pensa subito ad una malattia importante e può quindi essere utile esaminare i sintomi e i disturbi più frequenti che riguardano il seno. Ciò servirà anche ad evitare di allarmarsi inutilmente di fronte a dolori che spesso preoccupano, ma che si rilevano poi del tutto privi di importanza.

Il dolore: è il disturbo in assoluto più frequentemente riferito dalle donne e definito dal medico “mastodinia” .

Per ogni donna è comprensibilmente preoccupante avvertire dolore in una parte del corpo sensibile e delicata Leggi tutto >>

Torna all'inizio