Non vi è solitudine più grande di chi vive attorniato da persone che hanno sul suo conto una percezione della verità diversa dalla realtà. Non vi è solitudine peggiore del rendersi conto di essere giudicati per qualcosa che non appartiene alla propria vita. Non vi è solitudine più oscura del prendere atto che, per quanto tu possa urlare al mondo la tua verità e i tuoi bisogni…nessuno riesce e riuscirà mai a sentirti.
E le ferite più mortali sono quelle sferrate dalle persone che più ami.
Ecco, vi ho parlato della mia solitudine…..di quella straziante sensazione che appartiene solo a chi vive al margine della vita di chi ama.
(Isabella Grumo)