Accettare il tempo in tutto ciò che ci regala è sinonimo di saggezza e maturità, è sinonimo di accettazione, senza cadere nell’errore della sottomissione o della passività.
Convivere attivamente con il tempo, significa rendere ogni attimo della nostra vita speciale, unico, irripetibile.
Essere partecipi e presenti in ogni attimo dello scorrere del tempo vuol dire impedire a chiunque di poter scandire il nostro tempo secondo ritmi che non ci appartengono.
Accettare il tempo non significa essere deboli e passivi, ma al contrario, vuol dire essere determinati, conoscere i propri desideri, voler perseguire le proprie inclinazioni.
La convivenza attiva e costruttiva del tempo proprio, vuol dire riuscire a donare parte di questo tempo agli altri, vuol dire dedicarsi all’ascolto, all’aiuto, dedicarsi all’approfondimento di se stessi anche per migliorare il nostro tempo con gli altri.
Non vi è nulla di più bello e di più gratificante che giungere a fine giornata e sapere di aver collaborato a gettare le fondamenta per la serenità altrui, anche a costo di qualche rinuncia o sacrificio.
Questo tempo che molti percepiscono come un nemico da distruggere e fermare, non è altro che un insieme di porzioni della nostra vita intera, non è altro che un trampolino verso quell’eternità di cui molti parlano ma nessuno conosce nulla.
Siamo noi stessi l’eternità, rappresentiamo il passato ed il presente, ed abbiamo il potere di costruire, o meglio, di contribuire alla costruzione del futuro.
Questo significa essere attivi e partecipi del tempo nel tempo, questo è vivere per sempre, questa è eternità.

Isabella Grumo